giovedì 29 novembre 2012

Tra la punta della penna e il bianco del foglio.

Vorrei vivere tra la punta della penna e il bianco del foglio. Camminare sopra le lettere, le parole. Scivolare su ogni punto, sulle virgole. Nascondermi in questo mondo dove tutto può accadere. Dove tutto può realizzarsi. Ed è anche per questo che scrivo. Perchè questà realtà, la realtà della scrittura, è fantastica, speciale, spettacolare. 
I ricordi svaniscono, non prendono il controllo. Li posso manipolare. Far diventar ciò che è brutto, bello. Costruirmi un passato che non ho mai avuto. Farmi un'infanzia, che mi è stata privata. Provare emozioni, sentimenti, che altre persone hanno provato. 
Ma purtroppo, quando stacco la penna dal foglio, tutto ciò svanisce. Così sprofondo in quella voragine, ormai immensa.